29 Febbraio 2024

Maltempo, nessuna tregua. Decine di persone salvate dai soccorsi, chiuse diverse strade in provincia e i porti

Nessuna tregua dal maltempo che si sta abbattendo da 24 ore su gran parte della provincia. Decine gli interventi dei Vigili del fuoco e degli uomini della Protezione Civile che hanno messo in salvo molti automobilisti rimasti intrappolati all’interno delle loro macchine.

 Il Prefetto di Siracusa Giusi Scaduto ha attivato il Centro Coordinamento Soccorsi (CCS), in relazione alle condizioni meteorologiche avverse che stanno interessando il territorio della provincia, integrando con ulteriori Amministrazioni ed Enti il dispositivo comunque già operativo sin da mercoledì 8 febbraio, in stretto raccordo con i Centri Operativi Comunali (COC) immediatamente istituiti in tutti i Comuni. 

​Ne sono componenti i Sindaci della provincia, i vertici del Libero Consorzio Comunale, del Servizio S.05 della Protezione civile regionale, delle Forze di polizia, della Polizia Stradale, dei Vigili del Fuoco, dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste, delle Capitanerie di Porto di Siracusa ed Augusta, nonché i rappresentanti di A.N.A.S., E-Distribuzione S.p.A., Telecom, RFI – Rete Ferroviaria Italiana, Terna – Rete Italia S.p.A. e Consorzio Autostrade Siciliane.

​Il CCS sta continuando a monitorare i punti di potenziale maggiore criticità che, al momento, riguardano l’ingrossamento dei corsi d’acqua, la viabilità e la rete elettrica.

​Anche a seguito del peggioramento verificatosi nel corso della nottata, sono state chiuse al transito le seguenti arterie, a causa sia di allagamenti sia di smottamenti con conseguente caduta di massi e detriti sulla sede stradale:

➢ SR 3 Ponte Pietra – Cozzo Pantano;

➢ SP 12 Floridia – Grotta Perciata – Cassibile;

➢ SP 32 Carlentini – Pedagaggi:

➢ SP 39 Traversa Buscemi lato sud;

➢ SP 54 Sortino – Fiumara – Mandredonne;

➢ SP 104 Carrozziere – Milocca – Ognina – Fontane Bianche;

➢ SP 109  Madonna Marina San Corraiuolo;

➢ SS 115 (km 364 c.da Statenna).

​In via di risoluzione le criticità sulla SP 5 Buccheri San Giovanni; SP 10 Cassaro – Ferla – Buccheri; SR 11 Ferla -Pantalica – Sortino; SP40 Accesso Stazione Cassaro – Ferla; SP 45 Cassaro – Monte Grosso.

​Con riferimento alle condizioni meteo-marine, sono stati chiusi in via precauzionale i porti di Santa Panagia, Ognina, Marzamemi e Portopalo.

​Numerosi gli allagamenti su tutto il territorio provinciale, con le maggiori criticità registratesi nel capoluogo, dove sono state evacuate 70 persone; al nosocomio di Avola, dove si è reso necessario l’intervento di volontari della Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco con l’impiego di idrovore; a Pachino nella zona del borgo marinaro e di contrada Granelli, dove una famiglia è rimasta bloccata nella propria abitazione.

​Diversi i casi di interruzione dell’energia elettrica (circa 10.000 utenze) che E-Distribuzione sta tempestivamente fronteggiando, anche con l’ausilio di squadre in arrivo da altre province.

​Straordinario e senza soluzione di continuità l’impegno di tutte le componenti del sistema di protezione civile della provincia di Siracusa e dei volontari, che continueranno a permanere operativi fino a cessate esigenze.

In queste ore le squadre di soccorso stanno intervenendo in contrada Mottava per raggiungere alcune famiglie rimaste isolate all’interno delle loro abitazioni.

 Le squadre della Protezione civile comunale e le pattuglie della Polizia municipale hanno lavorato ininterrottamente tutta la notte e continuano ad operare per fare fronte alle conseguenze del nubifragio che da quasi 48 ore si abbatte su Siracusa e che in queste ore è dato in peggioramento soprattutto a causa del forte vento.

​Già decine le persone sfollate e condotte alla Palestra Akradina o all’assessorato alle Politiche sociali da dove vengono poi smistate in altre strutture. Le situazioni peggiori, a causa degli allagamenti, si sono registrate nelle zone di Spinagallo e Mottava dove i volontari, coordinati dal Coc, hanno portato in salvo famiglie che hanno abbandonato le abitazioni o singole persone bloccate in auto mentre tentavano di raggiungere le proprie case o i posti di lavoro, come nel caso di un agente di Polizia penitenziaria che si stava recando a Cavadonna. Allagato anche un agriturismo non distante dalla Fonte Ciane.

​Preoccupa la situazione del fiume Anapo che è straripato all’altezza del Ponte Capocorso e in altri punti. L’invito rinnovato dal sindaco, Francesco Italia, e dall’assessore alla Protezione civile, Vincenzo Pantano, è di non spostarsi e di restare in casa.

​Sono stati segnalati diversi alberi caduti (in via Filisto, viale Scala Greca, viale Pantanelli, zona Arenella).

Situazioni di pericolo sono create dal cedimento di tabelloni pubblicitari, pali della luce, contenitori di rifiuti e di abiti usati oltre che dalle attrezzature e dalle transenne che delimitano i cantieri edili, numerosi in questo periodo soprattutto per il rifacimento delle facciate del palazzi. L’azione della pioggia e del vento ha danneggiato il muro di Villa Reimann e quello del parcheggio Von Platen così come sta creando problemi alla case popolari di via Algeri.

​La situazione è in continuo aggiornamento e i contatti tra il Coc, il comando della Municipale e le donne e gli uomini in strada sono costanti.

Alberi, cartelloni pubblicitari, tralicci sono stati abbattuti d vento che continua a soffiare con raffiche che hanno raggiunto anche gli 80 chilometri orari.

Anche nel resto della provincia squadre di soccorso all’opera per tutta la notte.

Dal Centro operativo dei soccorsi si continua a sconsigliare qualsiasi spostamento non necessario.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui Social

Tutte le puntate di EUREKA!

Tutte le puntate di TAMTAM FOCUS