17 Giugno 2024

Conclusa con successo l’edizione del decennale delle Feste Archimedee.

Archiviato domenica scorsa, con successo e grande partecipazione di pubblico, il decennale delle Feste Archimedee, che puntualmente, anche quest’anno, per 4 giorni, hanno animato le vie d’Ortigia, con il talento, la creatività e la gioia dei giovani, nel nome e nel segno del genio siracusano di tutti i tempi.

Un’edizione speciale, ricca di appuntamenti importanti, onorata dalla presenza del prefetto di Siracusa, Giusy Scaduto e dei massimi rappresentanti territoriali delle Forze dell’Ordine, nell’ottica di una permanente educazione alla legalità.

 Il premio 2023 è andato alla special guest Virginia Bocelli, figlia del famoso tenore Andrea, che con la sua soavità e innata eleganza, nonchè la dolcezza spontanea della sua età, ha reso indimenticabile, con la sua compagna di viaggio Cecille, la serata musicale di sabato scorso, coordinata da Claudio Iudicelli. Responsabile artistico della sezione musicale, quest’ultimo, che con la sua Athena Produzioni ha portato sul palco voci  emergenti e consolidate voci del panorama canoro nazionale, da Tony Canto a Luca Madonia da Carmen Ferreri a  Lina Gervasi, che ha incantato con il Theremin,  ma anche altri artisti che faranno parlare di sè. 

A presentare le promesse della musica e del teatro Mirella Furnari, che ha condiviso il palco anche con i due conduttori della serata principale, Mimmo Contestabile e Oriana Vella. Madrina d’eccezione l’attrice Galatea Ranzi, accompagnata al pianoforte dal maestro Canino.

La serata di chiusura, condotta da Mascia Quadarella, invece, è stata affidata a Vincenzo Macario, che con la collaborazione di  12 scuole di danza ha dato vita in Piazza Minerva a un galà, con ben 45 coreografie, spaziando dal classico al moderno, alla break dance.

 Tra gli spettatori, a sorpresa, per i partecipanti, anche uno speciale cacciatore di talenti ad osservare i loro passi, per offrire loro l’opportunità di essere scritturati per un’interessante esperienza formativa.

 Dal palcoscenico anche messaggi sociali importanti, con un’ospite d’eccellenza, la neuroscienziata Daniela Lucangeli e l’invito dell’ideatore della rassegna Carlo Gilistro a non lasciare i giovani dietro gli schermi e di coltivare momenti di socialità pura, reale. 

“Una decima edizione di Feste Archimedee- ha commentato Gilistro- al di là di ogni aspettativa. Ormai la manifestazione è veramente entrata nel cuore della cittadinanza, migliaia le persone che hanno partecipato e soprattutto centinaia di giovani e bambini di ogni età si sono esibiti in ogni disciplina artistica. I laboratori sono stati il vero centro culturale delle Feste. Un ringraziamento al Sindaco Francesco Italia e all’assessore Granata, all’amministrazione comunale tutta, che hanno finanziato e  accompagnato col cuore le Feste. Un grazie speciale a tutto lo staff che ha permesso la realizzazione e un ringraziamento particolare a Raffaele Malfa, responsabile organizzativo. Le Feste Archimedee sono e saranno punto di riferimento per la prevenzione del disagio giovanile e faro di luce per guidare le famiglie e i ragazzi verso un futuro felice”.

“La decima edizione delle Feste Archimedee- ha affermato Edda Cancelliere, presidente dell’associazione “Le Interferenze” che organizza l’iniziativa-  si chiude con un bilancio eccellente: centinaia di giovani hanno partecipato con entusiasmo e creatività. Quest’anno abbiamo puntato sul binomio pedagogia e arte, che si è tradotto in performance e laboratori di altissimo livello, solo per citarne alcuni: il “Rifugio del Minotauro” curato da Michele Dell’Utri all’Ipogeo; la simultanea di scacchi organizzata e gestita magistralmente dalla dirigente della “Lombardo Radice” Alessandra Servito; la partecipazione del gruppo Mandragora di Tenerife e i Coralsound; i laboratori didattici curati dal Liceo Corbino e dal liceo Einaudi, il coinvolgente laboratorio di tradizioni culinarie organizzato dallo chef Giovanni Fichera, in collaborazione con i prof. Giuseppe Calascibetta e Sandro Intagliata e il coloratissimo Laboratorio Lego a cura di Antonella Quattropani e ancora la performance teatrale diretta da Vincenzo Reale. Il tema dell’ambiente è stato trattato nell’incontro sull’economia circolare, curato dall’ingegnere Luigi Capizzi, del gruppo tecnico di Confindustria. Il tutto è culminato con l’esibizione di Virginia Bocelli, che a soli undici anni è riuscita a toccare corde profondissime e ancestrali con la sua voce angelica. Ci auguriamo di proseguire il nostro lavoro con la determinazione e l’entusiasmo di sempre”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui Social

Tutte le puntate di EUREKA!

Tutte le puntate di TAMTAM FOCUS