5 Ottobre 2022

Il Siulp incontra i candidati, i temi della sicurezza al centro del dibattito politico

“La campagna elettorale, che da poco è entrata nel vivo, non sta entusiasmando per concretezza dei temi trattati e per chiarezza di contenuti”. ​Il Siulp, organizzazione sindacale del Comparto Sicurezza, sia a livello nazionale sia locale, sente il dovere morale di stimolare le coalizioni e i rispettivi candidati alle prossime elezioni politiche nazionali e regionali a discutere pubblicamente e apertamente dei gravi problemi che attanagliano il nostro territorio che da sempre scandiscono l’agenda del Siulp, cioè la grave e perdurante emergenza immigrazione che grava come un macigno sul sistema sicurezza di questa provincia, la correlata ed endemica carenza di personale, la non meno inquietante e violenta deriva delle aggressioni perpetrate, nel più assordante silenzio istituzionale, nei confronti degli operatori delle forze di polizia e delle helping professions, e il degrado di alcune periferie che non può essere affrontato come un problema di polizia ed in maniera esclusivamente repressiva.

“In particolare – dichiara il segretario Tommaso Bellavia – il prossimo pensionamento forzato di oltre il 40% del personale in servizio, se non verrà adeguatamente fronteggiato con un completo turnover, adottando straordinarie misure assunzionali, metterà seriamente a rischio la tenuta dell’intero sistema sicurezza nel nostro Paese e, a cascata, nella nostra provincia. Per questi motivi, mi sono già confrontato con alcuni candidati all’Ars e al Parlamento ai quali ho palesato il punto di vista delle tante Poliziotte e Poliziotti che si riconoscono nel Siulp. In queste settimane, che ancora precedono il voto, l’auspicio è che i temi della sicurezza siano centrali nel dibattito politico ed impegnino i candidati in confronti costruttivi che possano essere prodromici di una futura e concreta azione governativa sui territori. Il Siulp non mancherà, se coinvolto, di fornire ogni utile contributo a tutte le parti politiche interessate”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici sui Social

Angelo Guardo Floridia