10 Agosto 2022

Dolce&Gabbana, il Regina d’Italia arrivato al porto di Siracusa

È arrivato poco dopo le 20.30 il Regina d’Italia, il motoryacht di Dolce e Gabbana. Attraccato alla banchina della marina resta off limits per chiunque anche se in molti si sono fermati ai piedi della passerella per curiosare.

Si chiama “Regina d’Italia”, come il primo yacht che si fecero costruire nel 2006. Ma è lungo 14 metri in più – 65 contro i 51 del precedente – e si segnala per l’evoluzione tecnologica, del design ma anche della sostenibilità ambientale. I due stilisti se lo sono fatti costruire ancora una volta dal cantiere Codecasa di Viareggio. Il valore dell’imbarcazione si aggira intorno ai 50 milioni di euro.

Il “Regina d’Italia”, dopo un’intera giornata trascorsa in rada a Taormina, ha raggiunto ieri sera il mare di Noto dove è rimasto per tutta la notte. Da lì il super yacht eco sostenibile ha raggiunto il porto di Siracusa.

Tra le molte particolarità lo yacht conta due suite armatoriali, 4 cabine ospiti, una palestra e una piscina di 5 metri per due sul ponte sole.

Questo motoryacht è stato progettato per avere la massima sostenibilità ambientale, dotandolo di un impianto di trattamento per le acque di sentina, di un impianto di trattamento per le acque di zavorra, di un impianto di trattamento dei liquami, di una cella refrigerata per i rifiuti, oltre che olio biodegradabile negli astucci degli assi e nelle losche dei timoni.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici sui Social