26 Novembre 2022

Siracusa, Lealtà e Condivisione ritorna sul collegamento intermodale Ortigia-Plemmirio

Prendendo spunto dalla nota del Movimento Idea, lealtà e Condivisione, pone l’attenzione su quello che è da sempre uno dei cavalli di battaglia del movimento politico presieduto da Carlo Gradenigo: il collegamento intermodale Barca/Bus Ortigia-Plemmirio.

“A differenza di quegli obiettivi del DUP che sono stati stralciati all’indomani dell’uscita del nostro movimento L&C dalla giunta e per i quali attendiamo ancora l’esito delle nostre richieste di ripristino – scrive Gradenigo – ve n’è uno in particolare che l’amministrazione ha scelto di mantenere ovvero il recupero del collegamento intermodale Barca/Bus Ortigia-Plemmirio(Isola)”. “Ci piace ricordare che la realizzazione delle suddette infrastrutture di collegamento sono state oggetto di apposito atto di indirizzo da noi proposto e approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale, nel marzo del 2019. Un atto che impegnava l’amministrazione e la Giunta all’individuazione delle aree di partenza e arrivo dei vaporetti, alla redazione di un bando ad evidenza pubblica per la concessione delle infrastrutture a servizio del trasporto via mare Ortigia-Isola e all’attivazione del bus navetta “Circolare Plemmirio” prevedendo un numero adeguato di fermate che permettessero agli utenti di raggiungere i principali varchi dell’Area Marina Protetta del Plemmirio e le principali attività commerciali li presenti (bar, lidi, ristoranti, hotel, b&b). Nell’agosto dello stesso anno veniva proposto e approvato dallo stesso Consiglio Comunale un emendamento al bilancio 2020 con il quale veniva istituito un apposito capitolo di spesa con dotazione finanziaria pari a 100mila euro da destinare al collegamento intermodale barca-bus dal centro storico di Ortigia al Plemmirio e viceversa”.

“A distanza di due anni ci chiediamo come, dove e quando si darà attuazione a tutto ciò ripristinando un servizio capace di decongestionare l’unica via d’uscita a sud della città, quale è via Elorina e fornire a residenti e turisti un mezzo pratico ed economico per visitare un’Area Marina Protetta e una Riserva Naturale a due passi dal centro storico, aumentando il tempo di permanenza di quest’ultimi in città? Possibilità che si tradurrebbe anche in una maggiore spesa per vitto, alloggio e servizi a tutto vantaggio dell’economia locale creando un flusso di persone da e per il Plemmirio con il duplice vantaggio di decongestionare Ortigia e favorire lo sviluppo e la crescita di vecchie e nuove attività e servizi accessori “.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui Social