3 Luglio 2022

Siracusa, Civico 4 accusa la Giunta: “nemmeno un euro per il corpo di Polizia Municipale”

Gravi carenze all’interno dell’organico della Polizia municipale che l’attuale Amministrazione comunale non ha alcuna intenzione di colmare, con conseguenza in fatto di controllo del territorio, lotta all’abusivismo e sicurezza stradale. 

“La vanagloria con cui il sindaco vantava lo scorso anno l’approvazione dello strumento finanziario nel mese di gennaio si rivela per quella che era: – dice il leader Michele Mangiafico – una rondine che non ha fatto primavera, tant’è che la città avrà il suo bilancio ad estate abbondantemente iniziata.”

Tra gli allegati che vanno a comporre il bilancio di previsione 2022, c’è la delibera numero 79 dello scorso 10 maggio, riguardante il Piano del Fabbisogno del Personale per gli anni 2022-2024. Quest’ultima “contiene 41 profili professionali, per un totale di spesa di 207.613,33 euro, senza neanche un agente di polizia municipale”, spiega Mangiafico il quale ricorda l’intervento, in un Consiglio comunale del 2019, del comandante Enzo Miccoli e della dirigente Maria Grazia Di Stefano i quali confermavano le grandi carenze.

Nonostante ciò, di fronte all’urgenza di un corposo investimento col piano del fabbisogno e con i successivi concorsi comunali, l’Amministrazione comunale che in questi anni ha “governato” la città ha guardato altrove, lasciando al corpo di Polizia Municipale solo le briciole”.

L’ultimo Piano di miglioramento dell’efficienza dei servizi approvato dalla Giunta Municipale (delibera di Giunta numero 167/2021) riferisce di 134 unità impegnate all’interno del corpo di Polizia Municipale. Di queste, sei non più in servizio nel 2021 e due a tempo determinato. Altre autorizzate a prestare servizio nei vicini comuni della provincia.

“Insomma, – conclude Mangiafico – un’Amministrazione senza capo né coda. “Civico4” chiede immediatamente la revisione del piano del fabbisogno del personale con integrazione di nuove unità per il corpo di polizia municipale e la revisione delle previsioni di entrata del Bilancio con cifre oggettivamente più credibili rispetto a quelle riportate”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici sui Social