3 Luglio 2022

Lentini, Pasqua (M5S): “discarica Scalpello ecomostro sulle spalle di una comunità martoriata”

“Una nuova discarica di rifiuti nel territorio di Lentini? Assurdo, questi territori hanno già pagato un duro prezzo e non si può aggiungere altra benzina alle fiamme dell’inferno. Adesso, con grande determinazione, bisogna alzare la voce e dire basta”. Così Giorgio Pasqua, deputato regionale del Movimento 5 Stelle, che interviene in merito al progetto di un nuovo sito per il conferimento di rifiuti solidi urbani che potrebbe sorgere in contrada Scalpello a Lentini.

“Ci sono tanti di quei validi motivi per opporsi alla discarica – commenta Pasqua – che sembra quasi di dover puntualizzare l’ovvio: ci troviamo a circa 3 chilometri dai centri abitati di Lentini e Carlentini, che insieme contano una popolazione di 40 mila abitanti, nelle vicinanze di un’area archeologica, di un grande invaso in Zona di protezione speciale e di ben 4 discariche mai bonificate, tra le quali quella enorme di Grotte San Giorgio, che vede già 4.300.000 metri cubi di rifiuti già abbancati, con 255 comuni che hanno conferito i rifiuti in quel sito. Nella nuova ipotetica discarica si prevedono volumi enormi: 2.800.000 metri cubi, con una spalla alta 16 metri, ovvero un palazzo di cinque piani. Un nuovo ecomostro sulle spalle di una comunità che è già stata martoriata, in termini di aggressioni all’ambiente e danni alla salute e al territorio. Se ci fosse stato un Piano regionale dei rifiuti serio, sensato e concludente – prosegue i – avrebbe escluso a monte ogni possibilità di far nascere una nuova discarica in un territorio già saturo. Purtroppo sappiamo che il governo Musumeci ha sprecato 5 anni senza produrre né piani sensati né soluzioni al problema dei rifiuti. Di fronte a quest’ennesimo tentativo di massacrare il territorio, tutte le forze politiche dovrebbero essere compatte e dare supporto alla comunità dicendo tutte insieme ‘basta’, perché la lotta per l’ambiente e la salute non può avere alcun colore politico”,

Pasqua, critica infine “il parere positivo rilasciato dall’Azienda sanitaria provinciale, atto assolutamente irricevibile in mancanza di un’indagine epidemiologica sulla discarica”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici sui Social