26 Novembre 2022

Il futuro può arrivare dal 1912 – l’editoriale di Prospero Dente

Ci siamo. Questa sera parte la nuova stagione di spettacoli classici al Teatro Greco di Siracusa. In scena l’Agamennone di Eschilo. Tutti pronti a seguire la nuova e mai scontata messa in scena del regista Davide Livermore. Poi, da domani, sarà anche Edipo Re.

Spettacoli classici, cultura, turismo, patrimonio di questa città.

Ho avuto la fortuna, nell’ultimo anno, di rileggere la storia e gli scritti di Mario Tommaso Gargallo e di suo fratello Filippo.

Appunti battuti con una macchina per scrivere tra il 1912 e 1914. Erano avanti, erano incredibilmente avanti.

Mario Tommaso Gargallo aveva grandi disponibilità economiche, è vero; ma aveva 25 anni, appena 25 anni. E quella storia – per dirla con il filosofo Galimberti – ci conferma che le più grandi menti illuminate sono quelle che mirano il futuro non come luogo imprevedibile, ma come opportunità.

Einstein, ha ricordato Galimberti, scoprì la sua formula all’età di 24 anni, Leopardi ha scritto “L’Infinito” a 21 anni, Larry Page e Sergey Brin hanno fondato Google a 25 anni, Steve Jobs ne aveva 21 quando diede al mondo Apple. 

Sì, mi piace pensare che il project management culturale del 1912 di Mario Tommaso e Filippo possa essere riletto per tornare a dare una narrazione vincente al nostro territorio.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui Social