27 Maggio 2022

Zona industriale: non solo Lukoil? L’editoriale di Prospero Dente

Al capezzale della zona industriale ci sono tutti. Il sindacato naturalmente, Confindustria ci mancherebbe altro, la politica ovviamente, i sindaci di quel triangolo necessariamente. 

L’ultimo sintomo si chiama Lukoil. La preoccupazione è tanta dopo le annunciate sanzioni contro l’importazione del petrolio russo. L’azienda – sostengono le fonti – viaggia a pieno regime e, in questo momento, non sembra subire contraccolpi economici. Sui giornali di settore – non soltanto italiani – si fanno cifre con molti zero.

Ci si preoccupa di quel che potrebbe accadere a sanzioni attivate. Ci si chiede se Litasco, società svizzera controllata da Lukoil e proprietaria di Isab, deciderà di volgere lo sguardo verso altri mercati – quello americano, ad esempio – per acquistare il petrolio e mantenere alta la propria produzione. Sì, banalmente si potrebbe obiettare che, per la madrepatria, sarebbe come alzare bandiera bianca nella guerra economica in atto. E addirittura concedere questo per il petrolio a stelle e strisce sarebbe veramente troppo. 

Ma le domande che restano sospese sono due: nel momento in cui – speriamo prestissimo – venisse siglato il cessate il fuoco in Ucraina e, potenzialmente, dovessero venir meno le sanzioni nei confronti della Russia e quindi scacciare le nubi su Lukoil, quali altri problemi restano nella zona industriale siracusana? Perché il silenzio del Governo nazionale sulla richiesta di Area di crisi complessa?

Prospero Dente

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici sui Social

Pubblicità elettorale