25 Maggio 2022

Crisi Lukoil, la Fiom proclama lo stato di agitazione

La Fiom di Siracusa ha proclamato lo stato di agitazione e richiamato alla mobilitazione tutti i lavoratori e l’intera comunità provinciale. “Il Petrolchimico di Siracusa – dicono Roberto Mastrosimone e Antonio Recano, rispettivamente segretari generali di Fiom Sicilia e Fiom Siracusa – è la rappresentazione plastica della necessità di definire un piano strategico di interventi strutturali, indicando chiaramente i settori strategici e gli obbiettivi, i tempi e le coperture finanziarie da utilizzare per “politiche industriali” che siano in grado di dotare l’Italia di una vera autonomia energetica e dare al Petrolchimico un futuro sostenibile”.

“La zona industriale siracusana ha le caratteristiche e le potenzialità, se abbandona la sua ideologica impronta fossile, per utilizzare le nuove opportunità rappresentate dall’idrogeno, e dalle rinnovabili in un mix energetico da utilizzare nel processo produttivo della raffinazione e della chimica come migliore opzione di decarbonizzazione”.

Occorre, però – concludono – riportare il futuro del Petrolchimico in mani pubbliche, sostenere investimenti per la riqualificazione delle produzioni, la riconversione delle aree dismesse, la riqualificazione e il potenziamento di Punta Cugno e Marina di Melilli, per realizzare una rete infrastrutturale che connetta ed integri un moderno polo energetico con il porto di Augusta”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici sui Social

Pubblicità elettorale