29 Settembre 2022

Truffe ristori Covid, denunciati 14 imprenditori siracusani

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Siracusa ha individuato e segnalato all’Autorità Giudiziaria, quattordici soggetti imprenditori che hanno ricevuto, senza averne diritto ovvero utilizzandoli per finalità non consentite, circa 650.000 euro di aiuti statali, sotto forma di prestiti garanti o contributi a fondo perduto per l’emergenza Covid-19.

In particolare, nel corso degli accertamenti, emergeva il caso di una società di Lentini erogante servizi di assistenza sociosanitari che, a fronte di un finanziamento di 300.000 euro indispensabile a detta sua per il pagamento dei fornitori, destinava oltre il 90% della somma corrisposta per la liquidazione delle quote di alcuni soci. In un’altra circostanza, invece, un rappresentante di prodotti farmaceutici di Siracusa attestava, falsamente, di aver conseguito un fatturato di gran lunga maggiore rispetto a quello realmente ottenuto, al fine di percepire un finanziamento più consistente, poiché parametrato ai ricavi conseguiti.

Non mancano i casi di utilizzo delle somme ottenute per finalità personali, del tutto estranee a quelle per le quali gli aiuti statali sono stati concepiti; è il caso di un imprenditore che dopo aver ottenuto il finanziamento di 150.000 euro, ha fatto immediatamente transitare il denaro sui propri conti correnti, destinandolo all’acquisto di beni non riconducibili alla società.

Tutti i responsabili sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Siracusa e relativamente alle violazioni concernenti i finanziamenti garantiti si sta procedendo a notiziare il Mediocredito Centrale, per l’attivazione delle procedure di revoca della garanzia. L’attività svolta dalla Guardia di Finanza di Siracusa, ancora in corso, è indirizzata a contrastare coloro i quali, senza scrupoli, sfruttando la recessione causata dalla pandemia, incassano illecitamente aiuti statali non spettanti in danno di quelle famiglie e imprese che versano in un effettivo stato di necessità.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici sui Social

Angelo Guardo Floridia