24 Maggio 2022

Civico 4: “Le regole in Ortigia esistono già, l’Amministrazione non le fa rispettare”

Bisognava essere rigorosi prima e non dopo. Questo il commento del movimento “Civico 4” a seguito delle dichiarazioni rilasciate alla stampa dall’attuale Amministrazione comunale in merito alla rissa avvenuta in Ortigia nei giorni scorsi.

 “Quel“saremorigorosi”pronunciato dalla classe dirigente del Vermexio va accompagnato dalle pubbliche scuse nei confronti della cittadinanza per il fatto che fino ad oggi non lo sono stati”, dice il leader Michele Mangiafico.

Sulle motocarrozzette e velocipedi, l’Amministrazione comunale, nel marzo 2021, modifica il regolamento comunale per elevare a dieci il numero delle autorizzazioni di noleggio con conducente, attualmente ferme a cinque (delibera numero 6 del 14 aprile 2021 del commissario straordinario).

Nel documento si legge che “è vietata la sosta con posteggio su suolo pubblico di piazza”, rimandando la sosta dei mezzi nelle rimesse.

Per tale motivo il movimento sottolinea un mancato rispetto delle norme esistenti “promettendo” azioni futuro come l’inibizione di alcune piazze l’individuazione di un’area di stazionamento (in contrasto con la tipologia di autorizzazione). 

“L’Amministrazione comunale – continua Mangiafico – si è assunta la responsabilità del decoro e dell’immagine della città nell’investire su questo servizio nel momento stesso in cui ha imposto, all’articolo 12, un contrassegno con la scritta“Comune di Siracusa”, il relativo stemma ed il numero dell’autorizzazione. Suona, quindi, anche strano che oggi scopra che esistano in circolazione, oltre i cinque mezzi autorizzati, una quindicina non autorizzati.” 

“La questione non è, come ha asserito l’Amministrazione comunale, interdire piazze e redigere un nuovo regolamento ma, come per la gran parte delle volte, fare applicare le regole che già esistono. E, in questo caso, scusarsi con la città per non averlo fatto e per la figura che la città ha rimediato davanti al Paese.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici sui Social

Pubblicità elettorale