24 Maggio 2022

Turismo tra pandemia e guerra, le preoccupazioni di Noi Albergatori

Le preoccupazione del presidente di Noi Albergatori, Giuseppe Rosano, sulla situazione del turismo siracusano che si trova a fronteggiare i problemi nati dalla crisi pandemica, dal caro bollette e dalla guerra in Ucraina.

Di fronte a questa situazione, Rosano si chiede: “Cosa ci riserverà la Pasqua 2022? Credo che neppure Tiresia con la sua saggezza e preveggenza sia in grado di azzardare una credibile previsione. Arrischiare di farlo sarebbe come immaginare i pesci volare. Di certo tutto ciò peserà anche sul turismo di prossimità. I siciliani che vorranno spostarsi da un lato all’altro dell’Isola ci penseranno due volte prima di progettare anche un semplice week-end. Anche nei giorni scorsi, nel corso di un summit con alcuni operatori turistici a Venezia, serpeggiava incertezza su come si prospetterà la stagione turistica 2022. Nel corso delle crisi si dice sempre di trovare idee e progetti nuovi per ripartire. Ma, osservando quello che sta accadendo in questi giorni e cosa ancora ci aspetta, oltre all’ottimismo che si alloca sotto le scarpe, qualsiasi intendimento ormai puzza di stantio, persino di azzardo. E quindi? L’attuale stato di negatività procura ansia e incertezza. I turisti – conclude Rosano – per programmare una vacanza, breve o lunga che sia, hanno bisogno di essere attorniati da uno stato d’animo sereno per prendere con tranquillità un volo e muoversi liberamente da un Paese all’altro, senza essere turbati da alcuna preoccupazione. Per viaggiare c’è bisogno di pace”.

 

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici sui Social

Pubblicità elettorale